Blog: http://COC.ilcannocchiale.it

Tre quarti di secolo fa in Germania

Fiaccole per illuminare la notte 



Settantacinque anni fa, esattamente tre quarti di secolo orsono, si compiva una delle pochissime rivoluzioni, ad esser rigorosi probabilmente la sola, a realizzarsi rigorosamente ed esclusivamente per via democratica.

La Repubblica di Weimar chiudeva i battenti e una fiaccolata lunga una notte salutava la rinascenza germanica dopo Versailles. A quella data la nazione contava sei milioni di disoccupati. In meno di un anno e mezzo al Cancelliere tedesco sarebbe riuscito il miracolo del raggiungimento della piena occupazione. La nuova (e antica) Germania andava rapidamente superando le differenze di ceto e di classe, prendeva il controllo sulla moneta, usciva dai diktat finanziari internazionali, evocava le sue radici storiche e preistoriche e si poneva come esempio per non poche altre nazioni.

Nello stesso anno negli Usa si costituiva il Council of Foreign Relations dedito esplicitamente a preparare la guerra mondiale. Sei anni più tardi alla Reazione, all'Alta Finanza, al Crimine Organizzato, al Comunismo e alle oligarchie della standardizzazione religiosa e sapienziale non restava altra soluzione che scatenare un conflitto planetario per riportare l'ordine internazionale nelle condizioni di aridità, precariato, proletarizzazione, schiavitù e cecità spirituale ed esistenziale che noi, oggi, conosciamo bene.

Ma nessuno ha mai spento quelle fiaccole.

G.A.
(Giorgio Armani? Non credo proprio!)
 

Pubblicato il 30/1/2008 alle 12.50 nella rubrica metapolitica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web