.
Annunci online

  COC [ il dominio di gente trista è dovuto unicamente alla viltà di chi si lascia soggiogare ]
         

 

Discover the playlist Top 250 solo guitar with Queen

 

se vuoi comunicare
con me o se mi vuoi
semplicemente insultare,
puoi farlo utilizzando
questo link


 

Io sostengo MenteCritica

 

 


A Torino non c'è
di meglio

 

 

 

 SEO Directory

 

 

 

 
85 VITTIME INNOCENTI
3 COLPEVOLI DI COMODO
NESSUN MANDANTE
NESSUN MOVENTE

 




 




















 


 

 

DISCLAIMER

 
Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica (un qualsiasi coglione è in grado di capirlo da se, leggendone i contenuti) in quanto viene aggiornato quando il proprietario ne ha voglia e tempo.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso vale per i siti che forniscono dei link a questo sito o a parti di esso: il fatto che un blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

Qualora i testi o le immagini postate non siano di proprietà dell'autore, la paternità degli stessi e/o la fonte di provenienza è sempre riportata (o viene indicato se è ignota); se il titolare dei diritti di testi o immagini qui riprodotte ne desiderasse la rimozione, può contattarmi all'indirizzo c_o_c@libero.it e la sua richiesta sarà accolta immediatamente.

Il proprietario del blog dichiara di non esserere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori,lesivi dell'immagineo dell'onorabilità di persone terze,non sono da attribuirsi all'autore,nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo Blog è un blog "FASCISTA", nel senso nobile del termine e non nel senso che per 60 anni questa giudeocrazia gli ha conferito. Politicamente non si colloca ne a DESTRA, ne a SINISTRA, ma sta col POPOLO tutto a prescindere dalla razza, religione e ceto sociale. Rispetta chi porta rispetto ed è inflessibile con chi non rispetta le tradizioni e le leggi siano esse dello Stato che Naturali.

Questo blog si schiera apertamente con tutti i popoli oppressi e/o coercizzati da parte di governi o di Paesi che approfittando della loro superiorità tecnologica, militare, finanziaria, li spogliano di ogni risorsa e ne calpestano la dignità.

1)Sono un giustizialista, non un giustiziere, per cui combatto le ingiustizie sociali ovunque e contro chiunque le perpetri(per questo motivo,mi considero un rivoluzionario).

2)Sono della razza mia e ne vado fiero,per questo motivo posso essere considerato razzista, delle altre razze me ne fotto,almeno, fino a quando non interferiscono con la mia libertà o tentano di prevaricarla, in questo caso mi riservo il diritto di difendermi con i mezzi che ritengo più opportuni;

3)credo in qualcosa di spiritualmente superiore all'uomo, ma non credo nelle religioni così come non credo nei partiti;

4)non cerco la vostra approvazione e del vostro disprezzo me ne frego, passo e ci piscio sopra;

 


 

 

 

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

 


Previsioni Meteo

 

informazione.it - Rassegna stampa delle ultime notizie on-line 

 

 


I miei Idoli
Corto Maltese
Capitan Harlock
Paperino










 
Aggregatore
 
Cerca su RSSItalia.it

 

 

Vlad Tepesh

Crea il tuo badge

 

voli low cost amsterdam

 

Feed XML offerto da BlogItalia.it
PaginaInizio.com
Il Bloggatore


21 maggio 2013

Uscire dalla logica liberal-capitalista

Uscire dalla logica liberal-capitalista

 

di: Stelvio Dal Piaz

 

Questa l’analisi: la crisi economico-finanziaria di stampo capitalistico comporta disoccupazione, precarizzazione del lavoro, disaggregazione sociale, alienazione.La realtà economica presenta un incessante dinamismo. La scienza economica si è rivolta, specialmente in questi ultimi anni, all’esame della dinamica economica con discreti risultati, ove si consideri la difficoltà che presenta lo studio del sistema economico, parte del sistema sociale la cui dinamica è determinata da fattori, oltre che economici, politici, giuridici, etici, anche da fattori di carattere interno a ciascun paese ed internazionali. Le interferenze dei vari fattori mutano di intensità e direzione, variano di qualità e si differenziano nel tempo e nello spazio. 



Particolarmente%RQb3NpdGlvbj0iUmlnaHQiPjx0b29sIG0l’analisi della dinamica del mondo del lavoro. Le variazioni delle condizioni di ambiente, delle innovazioni tecnologiche, dei gusti, delle mode, della domanda e offerta dei vari fattori produttivi, delle combinazioni produttive, delle correnti commerciali, ecc., producono variazioni nella produttività marginale del lavoro.Se non che a causa di attriti vari, dovuti ad irregolare distribuzione dei servizi produttivi, non si verificano le immediate e rapide variazioni nella domanda di mano d’opera e nel saggio delle mercedi. In concreto si presentano differenze di intensità e di cronologia nelle variazioni tra le diverse imprese, sicché lavoratori licenziati da alcune imprese sono assunti da altre, ma la dinamica del “mercato” dà luogo a una differenza tra la massa dei lavoratori esistenti e la massa di quelli effettivamente applicati al lavoro presso le imprese, dà luogo, cioè all’esistenza di “mano d’opera disoccupata”.Da quanto precede risulta che, anche in tempi di normalità, la massa disoccupata è una peculiarità dell’economia capitalista con la sua grande divisione del lavoro, i suoi metodi di produzione, distribuzione ed accumulazione del reddito, tutti condizionati dal meccanismo del mercato e dei prezzi e dal complesso sistema del credito.In una economia autoritaria a base corporativa socializzata, poiché le forze economiche sono strettamente controllate, anche il fenomeno della disoccupazione risulta controllato, per cui è più facile predisporre i mezzi per combatterla. La vita economica non si svolge con ritmo uguale.Le sopraccennate variazioni imprimono al sistema economico delle fluttuazioni di breve, media o lunga durata le quali danno luogo a varie specie di disoccupazione, sebbene non sia sempre facile stabilire, in concreto, se l’eccesso dell’offerta sulla domanda di lavoro sia dovuto a questa piuttosto che a quell’altra specie di ritmo dell’attività economica.Comunque, si suole distinguere la disoccupazione stagionale, da quella ciclica e da quella permanente. Vi è anche una parte di disoccupazione dovuta al “lavoro intermittente” , cioè al lavoro abitualmente occasionale ed irregolare per la natura stessa del “mestiere” che deve essere retribuito con un salario superiore alla media di classi analoghe, rendendosi così possibile la distribuzione del guadagno globale su un lungo periodo di tempo e la compensazione effettiva delle punte di occupazione e di disoccupazione. Ciò premesso, in presenza attualmente di una crisi economico-finanziaria devastante per intensità e durata, assistiamo anche al fenomeno di una disoccupazione crescente e ad una precarizzazione del lavoro che comportano una notevole diminuzione della domanda interna, diminuzione però a cui non fa riscontro una contemporanea diminuzione dei prezzi al consumo.Ciò è dovuto all’alta pressione fiscale e ai tassi di interesse usurai applicati dalle banche, nonché all’aumento incontrollato delle tariffe dei servizi primari essenziali ormai tutti nelle mani dei privati portati naturalmente alla speculazione e alla logica del massimo profitto.Considerare, quindi, le liberalizzazioni e le privatizzazione la medicina utile a raffreddare la tempesta speculativa, non è soltanto inutile, ma addirittura criminale.Infatti la cura da cavallo messa in atto dal governo dei “professori”, in pochi mesi ha già provocato l’aumento del debito pubblico, l’aumento dell’inflazione, l’aumento della disoccupazione e del lavoro nero, in un crescendo negativo che ha portato il paese Italia alla tanto temuta recessione di lunga durata. La crisi è di origine e natura capitalistico-speculativa, per cui non occorre essere degli scienziati per comprendere che la cura debba essere trovata nelle soluzioni di stampo anticapitalistico, in primis con la riappropriazione della sovranità monetaria.Tamponare il buco con la moneta a debito e a tasso esponenziale, è come voler spegnere il fuoco con la benzina. Tutte queste considerazioni valgono a chiarire che tutti, ma proprio tutti - professori e politici - vanno al più presto mandati a casa e sottoposti alla condizione di vita della massa proletaria che, da sola - in questo momento - sta soffrendo e pagando il conto. Occorre infrangere gli steccati, superare gli antagonismi e gli schemi ottocenteschi che ancora sono tenuti in vita strumentalmente dai nemici del lavoro e dei lavoratori, trovare nella Nazione e nella Socializzazione la sintesi politico-istituzionale per risollevare le sorti dell’Italia, tornare alla centralità dell’uomo che si realizza nel lavoro inteso quale dovere sociale, riprendere quel filo rosso che è stato spezzato alla fine della 2° Guerra mondiale.“La vita è come l’onda del mare: si spoglia dell’amaro levandosi in alto”, scriveva Mazzini che aveva veduto dissolversi la sua costruzione repubblicana del 1849, ma aveva dato l’impronta rivoluzionaria al processo unitario italiano. archivia e non tralascia nulla degli eventi di cui è scrupolosa nutrice e v’è ragione di credere che il sogno di una generazione vinta ma non doma, possa e debba tornare realtà.


Nel merito voglio riportare parte di quanto pubblicato nel giornale “Il Tricolore Nazionale” dell’11 aprile cura di Giuseppe Carlucci:

 

“Il mondo del lavoro, da sempre alla ricerca della strada maestra della vita, ha nella SOCIALIZZAZIONE la grande realizzabile idea della libertà e della giustizia umana e sociale: l’idea dell’avvenire. La nostra società, quella che NOI vediamo, sarà una società organica con un complesso di unità organiche. Al liberismo che propugna l’interesse individuale e al marxismo che è lotta di classe, noi opponiamo un principio sacro ed umano nello stesso tempo: la collaborazione di classe, per arrivare al superamento del concetto stesso di classe. Collaborazione di classe nel paese, nelle aziende. E nelle aziende, l’operaio artefice del suo avvenire, l’operaio al quale sarà ridata per intero la sua dignità, l’operaio parte viva dell’azienda. Il lavoratore che partecipa alla gestione delle aziende, siano esse di Stato o private, e che ne divide gli utili. Tutto questo nell’interesse spirituale e materiale del singolo che è però cellula di un grande organismo: SOCIALIZZAZIONE non ripudia l’iniziativa privata né la proprietà, ma entrambe perdono il loro aspetto egoistico, libere così di operare per il progresso. farà del lavoro non abbrutimento, lotte, sangue, ma l’alto mezzo attraverso il quale l’uomo si sentirà finalmente utile a se stesso, alla famiglia, alla Nazione. farà del lavoro il soggetto dell’economia e la base infrangibile dello Stato. Contadini, operai, tecnici, impiegati, professionisti ed artisti, lo Stato che uscirà dall’immenso travaglio sarà il nostro e il vostro e come tale lo difenderemo e lo difenderete”.Il compito di noi socialisti nazionali è quindi quello di lavorare con impegno ed umiltà per la realizzazione dello Stato Nazionale del Lavoro. Lavorare, quindi, è un dovere irrinunciabile che è comandato a NOI e alle coscienze di quanti credono ancora nei valori perenni della vita e dello spirito: così è stato sempre, così è per l’Italia di ieri, di oggi e di domani.

 




permalink | inviato da C.O.C. il 21/5/2013 alle 22:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile        giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom