.
Annunci online

  COC [ il dominio di gente trista è dovuto unicamente alla viltà di chi si lascia soggiogare ]
         

 

Discover the playlist Top 250 solo guitar with Queen

 

se vuoi comunicare
con me o se mi vuoi
semplicemente insultare,
puoi farlo utilizzando
questo link


 

Io sostengo MenteCritica

 

 


A Torino non c'è
di meglio

 

 

 

 SEO Directory

 

 

 

 
85 VITTIME INNOCENTI
3 COLPEVOLI DI COMODO
NESSUN MANDANTE
NESSUN MOVENTE

 




 




















 


 

 

DISCLAIMER

 
Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica (un qualsiasi coglione è in grado di capirlo da se, leggendone i contenuti) in quanto viene aggiornato quando il proprietario ne ha voglia e tempo.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso vale per i siti che forniscono dei link a questo sito o a parti di esso: il fatto che un blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

Qualora i testi o le immagini postate non siano di proprietà dell'autore, la paternità degli stessi e/o la fonte di provenienza è sempre riportata (o viene indicato se è ignota); se il titolare dei diritti di testi o immagini qui riprodotte ne desiderasse la rimozione, può contattarmi all'indirizzo c_o_c@libero.it e la sua richiesta sarà accolta immediatamente.

Il proprietario del blog dichiara di non esserere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori,lesivi dell'immagineo dell'onorabilità di persone terze,non sono da attribuirsi all'autore,nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo Blog è un blog "FASCISTA", nel senso nobile del termine e non nel senso che per 60 anni questa giudeocrazia gli ha conferito. Politicamente non si colloca ne a DESTRA, ne a SINISTRA, ma sta col POPOLO tutto a prescindere dalla razza, religione e ceto sociale. Rispetta chi porta rispetto ed è inflessibile con chi non rispetta le tradizioni e le leggi siano esse dello Stato che Naturali.

Questo blog si schiera apertamente con tutti i popoli oppressi e/o coercizzati da parte di governi o di Paesi che approfittando della loro superiorità tecnologica, militare, finanziaria, li spogliano di ogni risorsa e ne calpestano la dignità.

1)Sono un giustizialista, non un giustiziere, per cui combatto le ingiustizie sociali ovunque e contro chiunque le perpetri(per questo motivo,mi considero un rivoluzionario).

2)Sono della razza mia e ne vado fiero,per questo motivo posso essere considerato razzista, delle altre razze me ne fotto,almeno, fino a quando non interferiscono con la mia libertà o tentano di prevaricarla, in questo caso mi riservo il diritto di difendermi con i mezzi che ritengo più opportuni;

3)credo in qualcosa di spiritualmente superiore all'uomo, ma non credo nelle religioni così come non credo nei partiti;

4)non cerco la vostra approvazione e del vostro disprezzo me ne frego, passo e ci piscio sopra;

 


 

 

 

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

 


Previsioni Meteo

 

informazione.it - Rassegna stampa delle ultime notizie on-line 

 

 


I miei Idoli
Corto Maltese
Capitan Harlock
Paperino










 
Aggregatore
 
Cerca su RSSItalia.it

 

 

Vlad Tepesh

Crea il tuo badge

 

voli low cost amsterdam

 

Feed XML offerto da BlogItalia.it
PaginaInizio.com
Il Bloggatore


30 novembre 2005

Stipendi dei parlamentari in Europa

Arrabbiamoci altrimenti è la fine



Maurizio Blondet
24/11/2005
La Camera de DeputatiUn lettore ci invia una istruttiva tabella, pubblicata dal Times, sulla retribuzione annua dei parlamentari europei.
Ebbene sì, avete indovinato: ecco un altro record italiano.
I parlamentari italiani sono in assoluto quelli più pagati tra i parlamentari in Europa e cioè euro 144.084,36 annui.
Per comprendere la differenza con gli altri Paesi, considerando solo i più importanti, rileviamo che un parlamentare tedesco guadagna euro 84.108,00 annui, uno inglese euro 81.600,00, uno francese euro 62.779,00 (meno della metà di quanto guadagna un italiano), uno spagnolo euro 35.052,00; i meno pagati sono i parlamentari polacchi, euro 7.370,00 annui.
Che dire?

 

Il lettore fa alcune amare considerazioni sui sacrifici che vengono chiesti agli italiani lavoratori, con i loro salari da mille euro mensili, da parte di gente che ha stipendi da mille-e-una notte.
Ci chiedono «flessibilità» (leggi: licenziabilità), «moderazione salariale», e di accettare la «riforma delle pensioni» (tagli alle medesime).
Proprio loro.
Mi associo.
Ma non basta.
Quell'attività che in Italia chiamiamo «la politica» è diventata l'unico vero lucroso mestiere, in un Paese in declino.
A Milano, già un presidente di consiglio di zona riceve un gettone di euro 2.000 mensili: la sinecura comincia dal livello più basso, dei molti e troppi strati di «amministrazione» che ci opprimono.

 

Fino ai miliardari della disfunzione pubblica.
Il capo della Banca d'Italia guadagna (anche se il suo stipendio è un segreto di Stato) sul milione di euro l'anno, contro i 180 mila dollari del capo della Federal Reserve, la Banca Centrale USA, che ha qualche responsabilità in più.
Il capo dello Stato della repubblica costa al contribuente più di quanto costi agli inglesi la regina.
Il funzionamento del Quirinale ci costa 250 miliardi di vecchie lire l'anno, quello che basta a far funzionare una città di 400 mila abitanti come Padova; gli stipendi della Banca d'Italia risucchiano 4 mila miliardi annui.
Un ceto di ricchi nullafacenti e arroganti divora un'Italia che impoverisce.

Il caso dei deputati italiani in Europa, le cui retribuzioni sono molto più alte di quelle dei deputati italiani in Italia, è particolarmente scandaloso, perché a quelle cariche i partiti destinano i più inutili fra loro.
Questo «mestiere» della politica ha allevato un ceto parassitario schiacciante, i cui livelli di retribuzione sono di per sé corruzione.
Perciò la «politica» s'è ridotta a un comitato d'affari, dove opposizioni e maggioranze sono colluse nell'arraffare - e nel continuare ad arraffare - tutto quello che possono.
E possono tutto.
Non possiamo tollerarlo; ne va del nostro futuro.
Sono «loro» il nostro primo e più urgente problema, al di là dei sedicenti «schieramenti».
Scriviamo ai giornali, protestiamo.
Bisogna che il popolo (se esiste) cominci a far sentire la sua rabbia, cominci a far paura.

Maurizio Blondet

 


Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.




permalink | inviato da il 30/11/2005 alle 23:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



30 novembre 2005

I bambini fanno oh, che meraviglia!

Finalmente abolita la fandonia del LIMBO!
C'è da dire che la chiesa cattolica ci mette un po' a riconoscere i propi errori
ma prima o poi ci arriva e ce la fà. Ecco se abolissero anche l'infallibilità della chiesa, visto che oramai è stata sbugiardata già centinaia di volte, castrassero i preti pedofili e impalassero quelli culattoni, credo senza timore di poter essere smentito, che acquisterebbe almeno un 30% di devoti in più.....
E i bambini fanno ohhhhhh che meraviglia........che meraviglia!


«Niente più limbo per i bambini morti senza battesimo»  
Andrea Tornielli

da Roma
I teologi del Vaticano si chiedono dove vadano a finire le anime dei bambini morti senza battesimo e si preparano a pubblicare un documento sul «limbo». Una questione che Giovanni Paolo II aveva definito «del massimo interesse» e che è stata studiata proprio su suo suggerimento. Va precisato che la Commissione teologica internazionale non è un organismo della Santa Sede e i pareri che esprime sono contributi al dibattito, non atti del magistero. Il problema comunque esiste ed è dibattuto.  Il limbo (dal latino «limbus», lembo, orlo) era considerato un luogo ai margini del paradiso dove finivano i bambini morti senza battesimo. A questi ultimi, infatti, non possono essere imputate colpe, ma non essendo rinati «nell'acqua e nello Spirito Santo» hanno mantenuto il peccato originale, la colpa di Adamo con la quale ogni uomo nasce secondo la dottrina cattolica e pertanto sarebbe loro precluso l'ingresso nel regno di Dio. Per loro, secondo la teologia tradizionale, non c'è nessun castigo,  ma anzi il godimento di «una certa beatitudine naturale». «Saranno felici di partecipare largamente della bontà divina nelle perfezioni naturali» scriveva in proposito San Tommaso d'Aquino.
La definizione del limbo prende corpo nel XIII secolo pur senza diventare mai una dottrina vincolante della Chiesa. Nel Catechismo di San Pio X, pubblicato cento anni fa, si poteva leggere: «I bambini morti senza battesimo vanno al limbo, dove non godono Dio, ma nemmeno soffrono; perché, avendo il peccato originale, e quello solo, non meritano il paradiso, ma neppure l'inferno e il purgatorio». Ben diverso è l'approccio espresso dal nuovo Catechismo della Chiesa cattolica, pubblicato nel 1992, che al numero 1261 recita: «Quanto ai bambini morti senza battesimo la Chiesa non può che affidarli alla misericordia di Dio, come appunto fa nel rito dei funerali per loro. Infatti, la grande misericordia di Dio, che vuole che tutti gli uomini siano salvati, e la tenerezza di Gesù verso i bambini, che gli ha fatto dire:  “Lasciate che i bambini vengano a me”, ci consentono di sperare che vi sia una via di salvezza per i bambini morti senza battesimo». Nessun accenno al limbo, come si vede, ma la speranza di una via di salvezza. È evidente dunque che c'è stata un'evoluzione da una concezione più rigorista (niente battesimo, niente paradiso) a una più possibilista: li affidiamo alla misericordia di Dio.
Oggi poi è invalsa la pratica di spostare dopo qualche mese dalla nascita l'amministrazione del sacramento del battesimo,  che un tempo era invece celebrata nei giorni immediatamente successivi alla nascita. Il motivo è quello di consentire un'adeguata preparazione dei genitori e magari di riavvicinarli alla fede. Si è però andata un po' perdendo, nella concezione comune, la percezione del battesimo come di dono da amministrare quanto prima, in quanto necessario per togliere la macchia del peccato originale. Quando Papa Wojtyla, nell'ottobre 2004, chiese alla Commissione teologica internazionale di studiare la questione,
spiegò che «non si tratta di un problema teologico isolato», perché «tanti altri temi fondamentali si intrecciano intimamente con questo: la volontà salvifica universale di Dio, la mediazione unica e universale di Gesù Cristo, il ruolo della Chiesa sacramento universale di salvezza, la teologia dei sacramenti, il senso della dottrina del peccato originale».
La Commissione teologica, un anno fa, era presieduta dall'allora cardinale Joseph Ratzinger. Che cosa ne pensava del limbo? Nel libro «Rapporto sulla fede» (1984) si legge:  «Il limbo non è mai stata una verità definita di fede. Personalmente - parlando più che mai come teologo e non come Prefetto della Congregazione - lascerei cadere questa che è sempre stata soltanto un'ipotesi teologica




permalink | inviato da il 30/11/2005 alle 20:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



30 novembre 2005

Mondiali: gli hooligans si allenano

Dopo essersi dati appuntamento in bosco di frontiera si sono picchiati tedeschi e polacchi




29 novembre 2005
Gli hooligans tedeschi e polacchi sembrano volersi allenare in vista dei Mondiali. Una rissa in un bosco e' stata scoperta dalla polizia. Due gruppi di tifosi, secondo quanto riferisce la stampa locale, si sono dati appuntamento per picchiarsi in un bosco del Brandeburgo. La polizia, avvertita da una soffiata, e' intervenuta ed ha identificato tutti: sono 45 hooligans del del 'Gruppo nord-est', formato da capi-ultras di Berlino, Brandeburgo, Sassonia, e Sassonia-Anhalt, e 53 polacchi.





permalink | inviato da il 30/11/2005 alle 20:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



30 novembre 2005

Tributo al Capo del Cuib...............




Corneliu Zelea Codreanu nacque a Iasi, in Moldavia, il 13-9-1899.

Il padre, Ion Zelea Codreanu, era professore di liceo.

Codreanu nel 1912 entrò al Liceo Militare di di Manastirea Dealului.

Nel 1916 tentò di arruolarsi volontario presso il 25° reggimento di fanteria Vaslui. Nel 1917 entrò alla Scuola Militare attiva di Botosani, da cui uscì nel 1918 con il grado di allievo sottufficiale.

Terminato il liceo a Husi, entrò all'Università di Iasi per seguire gli studi di legge. Si laureò nel 1922 e si recò in Germania per seguire i corsi di Economia Politica a Berlino e a Jena.

Ritornato in Romania, nel 1923 divenne segretario organizzativo della Lega della Difesa Nazionale Cristiana.

In seguito alla denuncia di cospirazione da parte di un membro della Lega, Codreanu venne arrestato e incarcerato a Vacaresti. Il processo si concluse nel 1924 con la assoluzione di Codreanu.

Nel giugno del 1925 Codreanu si sposava con Elena Ilinoiu. Il matrimonio venne celebrato da un pope ortodosso, ebreo convertito. A settembre si recava in Francia per acquisire il dottorato in economia a Grenoble.

Nel giugno del 1927, Codreanu, rientrato in Romania, fondava la Legione dell'Arcangelo Michele, antiborghese, anticapitalista e antidemocratica.

Nel giugno 1930 Codreanu dette vita alla Guardia di Ferro, un'organizzazione volta a combattere il comunismo e aperta alla gioventù rumena di tutte le associazioni e di tutti i raggruppamenti politici.

Nel giugno dello stesso anno ascendeva al trono di Romania Carlo II, che aveva una relazione morganatica con Elena Lupescu, d'origine ebrea. Elena divenne l'organizzatrice della cosiddetta camarilla reale, un insieme di uomini politici, industriali e affaristi. Questa lobbie si impegnò nel mantenimento e nell'accrescimento del proprio potere politico ed economico.

Codreanu denunciò la camarilla reale e richiese un cambiamento radicale e rivoluzionario della società.

Carlo II reagì facendo perseguitare i legionari e nel 1933 vennero presi drastici provvedimenti dal Presidente del Consiglio Ion Duca, che venne assassinato da un commando composto da 3 legionari, i Nicadori.

Nel 1934 la Guardia di Ferro, accusata dell'omicidio, venne processata e assolta. Nello stesso anno la Guardia di Ferro raggiunse i 35.000 militanti.

Nel 1935 Codreanu fondò il partito Tòtul pentru Tara.

Nel 1936 Codreanu inviò in Spagna un gruppo di volontari per combattere nel Tercio per "la vittoria della Croce" minacciata "dalla barbarie e dai sacrilegi dei comunisti".

Nel 1937 i caduti in Spagna vennero accolti in patria da un corteo a cui parteciparono 400 preti. Dei diecimila preti della Romania, 2.000 erano iscritti alla Legione dell'Arcangelo Michele. Il filosofo Emil Cioran e lo storico delle religioni Mircea Eliade si schierarono a fianco della Legione.

Nel dicembre 1937 il partito Totul pentru Tara raccolse il 15,5% dei voti e 66 seggi parlamentari diventando il terzo partito della Romania.

Nel febbraio del 1938 Carlo II emanò una nuova costituzione che aboliva i partiti. Codreanu fu costretto a sciogliere il Totul pentru Tara. Carlo II imprigionò ugualmente Codreanu che venne condannato a 10 anni di lavori forzati in un processo per cospirazione.

Carlo II temeva ancora Codreanu e ordinò di farlo uccidere in prigione. Nella notte tra il 29 e il 30 novembre 1938 Codreanu venne strangolato e poi colpito a fucilate alle spalle per far credere ad una fuga. Il cadavere fu poi distrutto con l'acido solforico.

qui potrete trovare i testi scritti dal capo del cuib




permalink | inviato da il 30/11/2005 alle 18:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



29 novembre 2005

Evento straordinario per Milano è arrivato.................

IL PRESIDIO - MILANO

Dove?
Piazza Aspromonte 31 (MM LORETO)
Quando?
Sabato 3/12/2005 h.15:00
Cos’è?
Centro di diffusione culturale alternativo/officina di idee rivoluzionarie e antagoniste/Negozio di stile non conforme/Punto di aggregazione trasversale comune a tutte le anime del nostro mondo/Tutto quanto sopra ma anche molto di piu’…

Siete tutti invitati all’inaugurazione del nuovo punto “Non Conforme” di Milano: inizio ore 15:00… e alle 18:30 aperitivo con ricco buffet !!!




permalink | inviato da il 29/11/2005 alle 19:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10  >>   dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom