.

  COC [ il dominio di gente trista è dovuto unicamente alla viltà di chi si lascia soggiogare ]
         

 

Discover the playlist Top 250 solo guitar with Queen

 

se vuoi comunicare
con me o se mi vuoi
semplicemente insultare,
puoi farlo utilizzando
questo link


 

Io sostengo MenteCritica

 

 


A Torino non c'è
di meglio

 

 

 

 SEO Directory

 

 

 

 
85 VITTIME INNOCENTI
3 COLPEVOLI DI COMODO
NESSUN MANDANTE
NESSUN MOVENTE

 




 




















 


 

 

DISCLAIMER

 
Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica (un qualsiasi coglione è in grado di capirlo da se, leggendone i contenuti) in quanto viene aggiornato quando il proprietario ne ha voglia e tempo.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso vale per i siti che forniscono dei link a questo sito o a parti di esso: il fatto che un blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

Qualora i testi o le immagini postate non siano di proprietà dell'autore, la paternità degli stessi e/o la fonte di provenienza è sempre riportata (o viene indicato se è ignota); se il titolare dei diritti di testi o immagini qui riprodotte ne desiderasse la rimozione, può contattarmi all'indirizzo c_o_c@libero.it e la sua richiesta sarà accolta immediatamente.

Il proprietario del blog dichiara di non esserere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori,lesivi dell'immagineo dell'onorabilità di persone terze,non sono da attribuirsi all'autore,nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo Blog è un blog "FASCISTA", nel senso nobile del termine e non nel senso che per 60 anni questa giudeocrazia gli ha conferito. Politicamente non si colloca ne a DESTRA, ne a SINISTRA, ma sta col POPOLO tutto a prescindere dalla razza, religione e ceto sociale. Rispetta chi porta rispetto ed è inflessibile con chi non rispetta le tradizioni e le leggi siano esse dello Stato che Naturali.

Questo blog si schiera apertamente con tutti i popoli oppressi e/o coercizzati da parte di governi o di Paesi che approfittando della loro superiorità tecnologica, militare, finanziaria, li spogliano di ogni risorsa e ne calpestano la dignità.

1)Sono un giustizialista, non un giustiziere, per cui combatto le ingiustizie sociali ovunque e contro chiunque le perpetri(per questo motivo,mi considero un rivoluzionario).

2)Sono della razza mia e ne vado fiero,per questo motivo posso essere considerato razzista, delle altre razze me ne fotto,almeno, fino a quando non interferiscono con la mia libertà o tentano di prevaricarla, in questo caso mi riservo il diritto di difendermi con i mezzi che ritengo più opportuni;

3)credo in qualcosa di spiritualmente superiore all'uomo, ma non credo nelle religioni così come non credo nei partiti;

4)non cerco la vostra approvazione e del vostro disprezzo me ne frego, passo e ci piscio sopra;

 


 

 

 

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

 


Previsioni Meteo

 

informazione.it - Rassegna stampa delle ultime notizie on-line 

 

 


I miei Idoli
Corto Maltese
Capitan Harlock
Paperino










 
Aggregatore
 
Cerca su RSSItalia.it

 

 

Vlad Tepesh

Crea il tuo badge

 

voli low cost amsterdam

 

Feed XML offerto da BlogItalia.it
PaginaInizio.com
Il Bloggatore


2 gennaio 2010

Quell'airone che non ha mai smesso di volare

“C’è un uomo solo al comando. La sua maglia è bianco e celeste. Il suo nome è Fausto Coppi”.

Le parole del giornalista Mauro Ferretti, sono ancora forgiate indelebilmente nel cuore di milioni di italiani.

 

" Fu allora, sotto la pioggia che veniva giù mescolata alla grandine, che io vidi venire al mondo Coppi. Ne avevo visti di scalatori; avevo visto Bartali, i " muli " come Martano e Pesenti, avevo visto il " camoscio " Camusso e la prodigiosa isterica " pulce dei Pirenei ". Ma, adesso, vedevo qualcosa di nuovo: aquila, rondine, alcione, non saprei come dire, che sotto alla frusta della pioggia e al tamburello della grandine, le mani alte e leggere sul manubrio, le gambe che bilanciavano nelle curve, le ginocchia magre che giravano implacabile, come ignorando la fatica, volava, letteralmente volava su per le dure scale del monte, fra il silenzio della folla che non sapeva chi fosse e come chiamarlo ". Orio Vergani, 29 Maggio 1940

Fausto Coppi: 40 anni da uomo, 50 anni da mito
02/01/2010
di Fabiana Muceli

Il 2 gennaio del 1960 si spegne l´icona del ciclismo italiano. Mezzo secolo non sembra averne scalfito la popolarità

Caro Giovanni, ti mando due corridori. Uno, il Coppi, vincerà. L'altro farà quel che potrà. Sono le parole di Biagio Cavanna, il massaggiatore, uomo squadra di Girardengo. Da Girardengo a Coppi, da storia a storia, è il '39 quando Cavanna scrive a Rossignoli della Bianchi, scrive di un ragazzo, eccellente scalatore e forte anche in volata. Un ragazzo che spinge sui pedali come pochi. Un ragazzo che diventerà un uomo, l'Airone, capace di entrare prepotentemente nella storia del ciclismo italiano e di esserne esso stesso l'icona. Ancora oggi, a cinquant'anni dalla sua morte.

Fausto Coppi vinse cinque volte il Giro d'Italia, due volte il Tour de France, fu campione del mondo e il soggetto preferito delle cronache del nostro paese, per la sua vita tormentata e per la sua relazione extraconiugale con la Dama Bianca, Giulia Occhini, donna per cui lasciò la moglie. Fu uno scandalo senza precedenti.

Quando, grazie a Rossignoli, Coppi entra nella Legnano di Gino Bartali, il suo esordio al Giro d'Italia sorprende tutti. E' l'inizio del mito. E' qui che comincia la storica rivalità con Bartali, che divide l'Italia sportiva. C’è sangue nelle vene di Gino, mentre in quelle di Fausto c’è benzina, scrive Curzio Malaparte. Parole che rappresentano a pieno la contesa tra i due: l'immagine di Bartali, campione solare e tradizionalista, verso quella di Fausto Coppi, di idee troppo libertine per l'Italia dell'epoca.

E' il 1940. Celebre la fuga dell'Airone iniziata sull'Abetone sotto il diluvio, fuga vincente che vale la maglia rossa. In quell'anno Bartali è il campione affermato, Coppi il gregario. Ma le gerarchie sembrano saltare fin dalle prime tappe. Bartali cerca di sminuire l'avversario, insinuando che molti corridori forti in pianura abbandonano alle prime salite di montagna.

La profezia di Bartali è veritiera: all'arrivo sulle Alpi, un Coppi attanagliato dai crampi decide di abbandonare il Giro. E' qui il paradosso del fair play, della sana competizione, perché è proprio Bartali a convincerlo a proseguire. Rinfresca il compagno con della neve, usa parole dure e lo costringe a ricominciare a pedalare. Di questa rivalità rimane la celebre fotografia scattata dal fotografo della Omega Fotocronache, Carlo Martini, in cui è ritratto il passaggio di una borraccia tra i due eterni rivali. La foto diviene il simbolo della lotta sportiva, quella pulita, della sfida tra campioni di stile.

La maglia bianco-celeste, la maglia dell'Airone, sarà la maglia perennemente in testa, quella da inseguire, in fuga per un decennio. Coppi vince tutto quello che c'è da vincere, è il primo a centrare la doppietta, Giro d'Italia e Tour de France, nel 1949.

Cinquant'anni non hanno minato l'icona. Fausto Coppi rimane il campionissimo dell'epoca migliore del ciclismo. Si spegne il 2 gennaio 1960, esattamente cinquant'anni fa, per una malaria contratta in Africa e non diagnosticata. Rimane nell'immaginario la figura dell'Airone, forte in pianura, forte sui pedali, che ha vinto le tappe degli anni anche dopo la sua morte.




permalink | inviato da C.O.C. il 2/1/2010 alle 14:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre        febbraio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom