.
Annunci online

  COC [ il dominio di gente trista è dovuto unicamente alla viltà di chi si lascia soggiogare ]
         

 

Discover the playlist Top 250 solo guitar with Queen

 

se vuoi comunicare
con me o se mi vuoi
semplicemente insultare,
puoi farlo utilizzando
questo link


 

Io sostengo MenteCritica

 

 


A Torino non c'è
di meglio

 

 

 

 SEO Directory

 

 

 

 
85 VITTIME INNOCENTI
3 COLPEVOLI DI COMODO
NESSUN MANDANTE
NESSUN MOVENTE

 




 




















 


 

 

DISCLAIMER

 
Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica (un qualsiasi coglione è in grado di capirlo da se, leggendone i contenuti) in quanto viene aggiornato quando il proprietario ne ha voglia e tempo.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso vale per i siti che forniscono dei link a questo sito o a parti di esso: il fatto che un blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

Qualora i testi o le immagini postate non siano di proprietà dell'autore, la paternità degli stessi e/o la fonte di provenienza è sempre riportata (o viene indicato se è ignota); se il titolare dei diritti di testi o immagini qui riprodotte ne desiderasse la rimozione, può contattarmi all'indirizzo c_o_c@libero.it e la sua richiesta sarà accolta immediatamente.

Il proprietario del blog dichiara di non esserere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori,lesivi dell'immagineo dell'onorabilità di persone terze,non sono da attribuirsi all'autore,nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo Blog è un blog "FASCISTA", nel senso nobile del termine e non nel senso che per 60 anni questa giudeocrazia gli ha conferito. Politicamente non si colloca ne a DESTRA, ne a SINISTRA, ma sta col POPOLO tutto a prescindere dalla razza, religione e ceto sociale. Rispetta chi porta rispetto ed è inflessibile con chi non rispetta le tradizioni e le leggi siano esse dello Stato che Naturali.

Questo blog si schiera apertamente con tutti i popoli oppressi e/o coercizzati da parte di governi o di Paesi che approfittando della loro superiorità tecnologica, militare, finanziaria, li spogliano di ogni risorsa e ne calpestano la dignità.

1)Sono un giustizialista, non un giustiziere, per cui combatto le ingiustizie sociali ovunque e contro chiunque le perpetri(per questo motivo,mi considero un rivoluzionario).

2)Sono della razza mia e ne vado fiero,per questo motivo posso essere considerato razzista, delle altre razze me ne fotto,almeno, fino a quando non interferiscono con la mia libertà o tentano di prevaricarla, in questo caso mi riservo il diritto di difendermi con i mezzi che ritengo più opportuni;

3)credo in qualcosa di spiritualmente superiore all'uomo, ma non credo nelle religioni così come non credo nei partiti;

4)non cerco la vostra approvazione e del vostro disprezzo me ne frego, passo e ci piscio sopra;

 


 

 

 

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

 


Previsioni Meteo

 

informazione.it - Rassegna stampa delle ultime notizie on-line 

 

 


I miei Idoli
Corto Maltese
Capitan Harlock
Paperino










 
Aggregatore
 
Cerca su RSSItalia.it

 

 

Vlad Tepesh

Crea il tuo badge

 

voli low cost amsterdam

 

Feed XML offerto da BlogItalia.it
PaginaInizio.com
Il Bloggatore


21 settembre 2006

"CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO"

anche se mi dispiace spero che questo sia solo l'inizio, non nascondo che la notizia in qualche modo mi abbia fatto anche godere, nel vedere tutti quei bigotti, perbenisti, buonisti  e pacifinti essere maltrattati, irrisi, e sbeffeggiati, così forse capiscono che le bestie sono bestie e come tali vanno trattate, che la libertà è un bene prezioso, bisogna guadagnarsela, non va gettata a cazzo di cane, nemmeno la si da in dote, non è un diritto acquisito e non tutti la meritano; non bisogna dare le nostre perle ai porci, primo non se ne fanno un cazzo, secondo non ci saranno riconoscenti e terzo rischiamo di rimanere senza perle da dare a chi veramente le merita.

Mentre i pacifinti facevano girotondi, marcette e caroselli carnevaleschi vari, il nemico se la rideva nel vedere con che razza di coglioni avevano a che fare; mentre il vecchio guerriero che non ha mai abbandonato la sua armatura, che non ha mai perso di vista o dimenticato chi fossero i nemici e quali fossero i pericoli a cui si andava incontro, ha continuato a tenere luccida l'armatura e ad affilare il ferro, solo che a sto' giro il guerriero non farà la guerra per il popolo imbelle, vile e pecora, si tiene pronto a vendere cara la sua pelle e quella dei suoi cari, mentre della pelle del popolo se ne fotte.

"Chi è causa del suo mal pianga se stesso"


il vecchio guerriero lo sa e non lo dimentica mai: Si vis pacem, para bellum

UN GRUPPO DI MUSULMANI IRRIDE I FEDELI DAVANTI A UNA CHIESA DI MONCALIERI

Da domenica a questa parte quì a Torino bande di arabi picchettano le Chiese in entrata e in uscita, maltrattano i fedeli e cercano lo scontro o peggio.

Da www.lastampa.it

Don Ruggero Marini, parroco di Santa Giovanna Antida, è arrabbiato, ma non perde la calma mentre racconta quello che è successo alla messa di domenica scorsa.

Davanti alla sua chiesa, c’erano quattro arabi che ridacchiavano e sfottevano i fedeli: «Ma che ci andate a fare a messa? Non avete visto cosa ha combinato il vostro Papa?».

Cose brutte. In questo momento, bruttissime. Segnali di tensione. La polemica per il controverso discorso del Papa è arrivata fino a borgo San Pietro, 23 mila abitanti: un quartiere di Moncalieri alle porte di Torino dove, paradossalmente, le culture si intrecciano reciprocamente. In corso Roma, in una zona operaia a ridosso di piazza Bengasi, succursale della grande migrazione dal Meridione degli Anni ’60, ci sono due chiese cattoliche e una moschea nata, in un deposito di vendita alimentare, come abuso edilizio poi sanato dal condono e ora pronta a raddoppiare i locali di preghiera. «Qui dove c’era reciprocità, dove la comunicazione tra uomini di strada non è mai mancata a dispetto dei dogmi cosi irremovibili nei vertici delle religioni – dice don Marini – per la prima volta registriamo segnali pericolosi».

E’ uno sfogo lucido: «Sa qual è la cosa più brutta? Che non sono nemmeno riuscito ad andare a parlare a quelli lì. Gli avrei detto che la mia chiesa non è terra di conquista per fanatici, ma spazio di dialogo e preghiera aperto a tutti».
Ed ecco un po’ di cronaca: «Domenica mattina erano in quattro, mai visti prima. Si sono appoggiati alla cancellata della chiesa e si sono messi a sbeffeggiare i miei parrocchiani». Le pare normale? «No, sono gesti vili e allo stesso tempo sintomi gravi di come sia aumentata la voglia di sottolineare le differenze, le peculiarità di religioni diverse. Laddove prima c’era il linguaggio della carità che univa, oggi ci sono segnali contrari. Parlo di una comunicazione sempre più inquinata dagli eventi internazionali. Il rischio – aggiunge il parroco - è che diminuiscano quelli che cercano punti di contatto e aumentino quelli che sottolineano le differenze. Questo segnale io l’ho colto, in questo borgo comincia ad andare così».

Ma alla domanda sul perché non abbia chiamato i carabinieri, la risposta di don Marini lascia trapelare tutto lo sconforto di chi si sente abbandonato: «La prossima volta lo farò. Stia certo che non permetterà più a nessuno di offendere i ministri di Dio e i suoi fedeli. Anche se il rischio è che non serva a nulla».

Perché simili fatti non si ripetano, spiega don Marini, sarebbe necessaria una maggiore tutela dei cittadini, dei credenti: «Se io faccio una denuncia, e i responsabili non vengono neppure perseguiti, se le forze dell’ordine non possono fare nulla, allora a che serve? Simili comportamenti devono essere bloccati sul nascere. Io non ho mica paura di denunciare questi quattro per le offese ricevute. Qualcuno mi deve spiegare però che fine fa il mio gesto e quali risultati porta, se poi finisce tutto in una bolla di sapone».




permalink | inviato da il 21/9/2006 alle 17:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


sfoglia     agosto        ottobre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom